Il futuro dei videogiochi tra nuove piattaforme e retrogaming

Grazie alla collaborazione tra TheGameTV e TechWarn Media siamo fieri di potervi proporre Il futuro dei videogiochi tra nuove piattaforme e retrogaming!


Il futuro dei videogiochi tra nuove piattaforme e retrogaming

Ci sono stati annunci importanti quest’anno in materia di giochi, a partire da Google Stadia, a piattaforma di gaming in cloud ideata dalla Big G. e siamo solo a maggio! Abbiamo dunque provato ad immaginare come potrà essere il futuro dei videogiochi, tra nuove tendenza e riscoperte dei grandi classici.

Retrogaming e cloud

Sono queste le due principali tendenze del momento, che spesso tendono anche ad incrociarsi. Il retrogaming, ovvero quella passione sfrenata per tutto ciò che è videogioco uscito tra gli anni ’80-’90, dunque tutto ciò che è stato creato agli albori del gaming, ha rapidamente conquistato moltissimi fan in tutto il mondo. Ed è dunque caccia a vecchie console, vecchie cassette NES e Game Boy e così via.

Ma il retrogaming in realtà non si ferma a collezionisti di pezzi d’antiquariato, anzi, sono sempre più le piattaforme online che propongono anzi, ripresentano, i vecchi classici SEGA, Nintendo e via dicendo. Questi giochi ‘classici’ sono disponibili tali e quali solo che invece di dover collegare la relativa console alla televisione basta creare un account nella piattaforma e iniziare a giocare!

Online gaming

Il gaming però non si limita più a una persona con il suo dispositivo (console o PC che sia) e il suo gioco. Il mondo del gaming si è espanso grazie alla rete, tant’è che ormai tutti i dispositivi e le console sono collegate ad internet e online troviamo qualunque tipo di gioco, persino instant games sui social network (come su Messenger e Telegram). Chi non ha provato almeno un piccolo gioco sul proprio smartphone? Ovviamente questo tipo di gioco non ha niente a che vedere con i titoli che escono per console e PC, come ad esempio Fortnite, Elder Scrolls o Red Dead Redemption, solo per citarne alcuni usciti negli ultimi mesi. L’elaborazione grafica, la velocità dei processori e le innovazioni tecnologiche hanno spinto gli sviluppatori e produttori di videogiochi sempre più in là, ottenendo prestazioni elevatissime.

Strumenti adeguati

Per supportare questo tipo di gioco però bisogna equipaggiarsi con la strumentazione giusta, a partire da una connessione internet appropriata. Anche se in Italia non tutte le connessioni sono ottimali, nelle grandi città come Milano, Bologna, Roma, Napoli, è già possibile usufruire di alcuni provider che sfruttano la tecnologia FTTH – fiber to the home – per fornire ai gamer tutta la potenza della fibra e la velocità di cui hanno bisogno per le loro sfide online. Naturalmente ogni gamer ha bisogno del giusto hardware e dei giusti strumenti, come ad esempio connessioni ultra sicure, ma anche conoscere le giuste configurazione del proprio sistema (dunque DNS; port mapping…).

Insomma, quel che ci si aspetta dal mondo del gaming è una connessione sempre più forte tra passato, presente e anche futuro (basti pensare alla VR e alla realtà aumentata…). E grazie alle nuove tecnologie, questa passione, che fino a poco tempo fa sembrava essere relegata solo al mondo nerd, sta conquistando sempre più persone, rendendola anche un’attività redditizia. Di sicuro ne vedremo delle belle!